Home / Campania / MARCIANISE. L’incendio dell’auto ordinato da Rockfeller. I Letizia volevano uccidere Mimmo Piccolo e Buanno

MARCIANISE. L’incendio dell’auto ordinato da Rockfeller. I Letizia volevano uccidere Mimmo Piccolo e Buanno

MARCIANISE – Alla fine, la guerra non l’hanno fatta perchè probabilmente questa avrebbe segnato la fine di entrambi i gruppi, mettendo contro due debolezze che cominciavano, con il declino dei Belforte, a riconquistare spazi di territorio a Marcianise e dintorni.

Ma se la guerra non l’hanno fatta, i Piccolo-Quaqquaroni e i Letizia, alleati da anni, ne hanno parlato in quelle che ritenevano conversazioni segrete.

Pasquale Piccolo, detto Rockfeller, non aveva gradito che Andrea Letizia, reggente quando lui si trovava in carcere, non fosse andato ad omaggiarlo dopo la scarcerazione. Ma la ruggine tra i due non era legata solo ad un fatto formale, come fa notare il gip nell’ordinanza era anche legata all’acredine, maturata da Pasquale Piccolo Rockfeller, il quale era stato anni in carcere ed affermava di non aver ricevuto un solo euro, proprio per la detenzione di Piccolo, diventato, nel frattempo, il reggente di tutto il clan.

Si registrano anche atti di ostilità. Uno per tutti: l’incendio e la distruzione della Ford Ka di Luigi Maina, detto Giggino o’napulitano. Secondo il racconto del collaboratore di giustizia Mario Russo, fu lo stesso Pasquale Piccolo Rockfeller a incaricare suo nipote Domenico Piccolo di compiere l’azione. Luigi Maina era considerato un uomo di fiducia di Andrea Letizia. Questo segnale bellicoso non passò certo inosservato al punto che in un’intercettazione in carcere, Antonio Letizia disse al figlio Giuseppe Letizia, detto Vincenzo, che lui non aveva nulla in contrario per un eventuale omicidio di Domenico Piccolo detto Mimmo, cioè del nipote di Pasquale Piccolo Rockfeller, incaricato da questi di incendiare l’auto di Maina.

Per affermare questo, vuol dire che all’interno del gruppo dei Letizia, si era parlato della possibilità di compiere un delitto. Anzi, si era parlato dell’eventualità di aggiungere a Mimmo Piccolo, anche un altro cadavere, quello di Fabio Buanno, il quale doveva essere colpito dai Letizia perchè legato a Rockfeller, ma amico dei Belforte, attraverso Pasquale Sgueglia, detto o’scù.

 

QUI SOTTO LO STRALCIO DELL’ORDINANZA

L’articolo MARCIANISE. L’incendio dell’auto ordinato da Rockfeller. I Letizia volevano uccidere Mimmo Piccolo e Buanno proviene da CasertaCE.


Fonte: casertace.net

About admin

Leave a Reply