Home / Cronaca Nazionale / Il Giorno del Ricordo sui social Pd? Semplicemente non esiste

Il Giorno del Ricordo sui social Pd? Semplicemente non esiste

Roma, 11 feb – Il passato non passa. E i conti con i massacri titini ai danni degli italiani durante e dopo l’ultima guerra, continuano a non lasciare traccia in casa degli eredi della tradizione comunista. Così il 10 febbraio, Giorno del Ricordo, è passato senza nessun cenno di attenzione o quasi. Una sensibilità che nel Pd pare proprio fatichi a materializzarsi. Basta dare un occhio ai profili Facebook dei principali esponenti del maggiore partito della sinistra per levarsi ogni dubbio su quanto conti, per loro, la giornata dedicata ai nostri connazionali perseguitati al confine orientale.

Martina e Giachetti: non pervenuti

A partire dal segretario uscente Maurizio Martina. Sul suo profilo, largo spazio alle manifestazioni contro il governo della triplice, selfie a gogo, e poi via con il pippone sulla “piazza giusta. Per il lavoro, la solidarietà, l’equità, lo sviluppo”. Come se ne ve ne fossero anche di piazze non giuste. E ieri, giorno dedicato agli esuli istriani, dalmati e fiumani? Uno dei più autorevoli candidati alla segreteria, vira sugli allevatori sardi: “Il governo li convochi subito”, il suo ultimatum. Per le foibe e i martiri italiani, ripassare.

Stessa musica sul profilo di Roberto Giachetti, altro pretendente a ereditare quello che per molti è ormai un partito ectoplasma. L’ex candidato a sindaco di Roma, nel Giorno del Ricordo trova modo di commuoversi, durante la sua visita a Danzica per Pawel Adamowicz, il sindaco della bella città polacca pugnalato a morte nel gennaio scorso. “Il nostro fiore è il simbolo del nostro impegno – scrive – quello europeista, di chi crede che per vivere insieme servano ponti e non muri”. Per le foibe e i martiri italiani, ripassare.

Zingaretti: ricordo d’ordinanza

Non può rinviare Nicola Zingaretti, che in qualità di governatore del Lazio ha preso parte alle celebrazioni ufficiali. “Ricordare le Foibe, che sono parte integrante della storia del nostro Paese – scrive– significa rendere giustizia a chi morì solo perché italiano”. Poi, nel pomeriggio, si porta a Bologna per Piazza Grande Donne, dove non riesce a sottrarsi al fascino di un bel piatto di lasagne.

Renzi e Boschi: scomparsi

E l’ex segretario per eccellenza nonché ex premier Matteo Renzi? Tra una foto in bici e una in scooter, il suo profilo, per oggi, è a riposo. Nei giorni scorsi, però, dall’alto del suo pulpito, aveva concionato sulla politica economica del governo: “Un suggerimento al Governo: non cercate di cambiare discorso, sperando che gli italiani pensino ad altri. Cambiate la politica economica, state distruggendo la crescita”. Detto da uno che se ne intende. Anche in questo caso, per le foibe e i martiri italiani, ripassare.

Chi pensa che un pensiero, un ricordo, un invito a non dimenticare arrivi da una donna, è destinato a subire l’ennesima delusione. Maria Elena Boschi, che come nessuna ha interpretato l’immagine al femminile del Pd che fu, ha il profilo al palo da giorni. Da quando in una diretta con Roberto Giachetti aveva deliziato la platea. “Adesso in diretta!”, digitava. Era il 5 febbraio. Da allora se ne sono perse le tracce. Figuriamoci se l’occasione giusta per ripartire era il Giorno del Ricordo.

Gentiloni: fa l’americano

Tra i dormienti, anche l’ex premier Gentiloni: è a Washington, fa sapere, per una conferenza alla Brookings Institution. What’s foibe? Gentiloni riesce però a ricordarsi di dire a Salvini di non far propaganda nel giorno delle elezioni abruzzesi. A provare a salvare la faccia è il profilo ufficiale del Pd. “Nel #GiornodelRicordo – vi si legge – omaggio alle vittime delle foibe e dell’esodo a Basovizza. Non disperdere la memoria per rispettare il dolore di migliaia di famiglie e costruire un futuro di tolleranza e convivenza pacifica”. Quasi una svista, nel mare di silenzio.

Fabrizio Vincenti

L’articolo Il Giorno del Ricordo sui social Pd? Semplicemente non esiste proviene da Il Primato Nazionale.


Fonte: ilprimatonazionale

About admin

Leave a Reply