Home / Video / El Chapo senza lieto fine: il re dei narcos rischia l’ergastolo (video)

El Chapo senza lieto fine: il re dei narcos rischia l’ergastolo (video)

 

El Chapo è colpevole di tutti i 10 capi di imputazione. Lo ha stabilito, dopo oltre una settimana di camera di consiglio, la giuria del tribunale federale distrettuale di Brooklyn, dove i magistrati dell’accusa hanno presentato contro l’ex signore messicano della droga una montagna di prove e ascoltato 56 testimoni, tra i quali 14 ex collaboratori del Chapo, al secolo Joaquín Guzmán Loera. Il verdetto di colpevolezza, giunto al termine di un dibattimento durato tre mesi, mette fine alla carriera di uno dei trafficanti di droga più pericolosi, noto per le sue tattiche innovative nel fare entrare tonnellate di droga negli Stati Uniti, per la sua spietatezza contro i nemici, per le sue evasioni spettacolari e per la sua capacità quasi imbattibile di sfuggire alle autorità messicane. Il processo si è svolto tra misure di sicurezza eccezionali, per il rischio di attacchi e vendette da parte degli ex membri del cartello del Chapo che ora, dopo il verdetto di colpevolezza, rischia l’ergastolo.

Lo spettacolare video della cattura di El Chapo

El Chapo, al quale è stata dedicata più di una serie tv e di una pellicola cinematografica, è stato catturato nel gennaio 2016. Anche la sua cattura è stata altamente spettacolare. Nel video di circa 15 minuti, girato dalle telecamere poste nei caschi dei Marines messicani e mandato in onda per primo da un’emittente messicana, si vedono i soldati che mitra in mano e volti incappucciati, entrano nel covo dopo una violenta sparatoria. Durante lo scontro a fuoco, nel quale 5 membri del cartello sono stati uccisi mentre un militare è rimasto ferito, Joaquin El Chapo Guzman è riuscito a fuggire dalle fognature. Braccato dai poliziotti il boss è però tornato in superficie, dove ha tentato di scappare rubando una macchina, ma è stato fermato poco dopo sulla strada che da Los Mochis porta a Navajoa, arrendendosi senza opporre resistenza.


Fonte: secoloditalia.it

About admin

Leave a Reply