Home / Cronaca Locale / Danni al centro per migranti di Carlantino, accuse al sindaco: “Una bufala social”

Danni al centro per migranti di Carlantino, accuse al sindaco: “Una bufala social”

“Continua la sagra delle bugie, ma i nostri amministratori sono dei veri maestri in questo. E’ apparso un articolo in cui il sindaco di Carlantino parla di enormi danni all’ostello provocati dai migranti. Dovete sapere che, in data 31 maggio, una delegazione della nuova amministrazione si è recata all’ostello per verificare le condizioni della struttura. Quel giorno era presente anche il responsabile della cooperativa Aretè, Giuseppe Marino“. A far luce sulla vicenda, l’ex sindaco e ora consigliere comunale Vito Guerrera.

“Punto primo, si deve sottolineare che questo sindaco ha seri problemi comunicativi ‘dal vivo’. Insieme al responsabile della cooperativa ha visitato l’ostello (a testa bassa) proprio per controllare le condizioni prima della consegna, e a quanto pare non c’era nessun problema. Dopo mesi, il sindaco apre la polemica con un articolo bufala sulla stampa e sui social. Come mai se c’erano tutti questi problemi, in quel momento non li hai comunicati ad Aretè visto che potevi farlo? Come mai te ne ricordi dopo mesi? Sindaco, hai chiesto chiarimenti in prefettura su eventuali controlli effettuati? Hai chiesto al commissario prefettizio se vi sono stati controlli approfonditi?”.

“No, chiaramente no – continua -. L’unico obiettivo è gettare fango e raccontare bugie su chi ti ha preceduto e in particolare su di me, Vito Guerrera. Però poi è bello predicare il bene comune per costruire benessere per la comunità. Ora è chiaro perché l’amministrazione comunale non ha partecipato alla festa dell’emigrante. Coltivare odio verso i migranti porta consenso in generale, di questi tempi”.

Poi l’invito al sindaco: “Sei invitato a convocare un consiglio monotematico per far emergere ‘tutti i lati oscuri’ della vicenda ma, soprattutto, a elencare i 150mila euro di danni all’ostello, invece di fare l’acchiappa like e basta”.

 

Loading...

Fonte: immediato.net

About admin

Leave a Reply