Home / Cronaca Locale / Amici increduli per la morte sul lavoro di Lorenzo, “un tornado di simpatia”

Amici increduli per la morte sul lavoro di Lorenzo, “un tornado di simpatia”

“Ti ho conosciuto con una litigata ma da quel giorno ogni volta che prendevi in mano il 227 ti scrivevo che eri il n 1 oggi ero lì ma tu te ne eri già andato… te lo scrivo ancora una volta eri e resterai per sempre il n 1”.

“RIP Bano! Eri un tornado di simpatia! Non si poteva non volerti bene!”

Gli amici sono increduli, frastornati, molto tristi. Non si capacitano: morire nel fiore degli anni al lavoro alla vigilia di Ferragosto. Eppure Lorenzo Bano non c’è più: è morto schiacciato mentre lavorava alla ruota di un camion all’Italtrans di Calcinate. A 29 anni, compiuti a febbraio.

Lorenzo Bano

Lorenzo Bano abitava a Cortenuova, nel quartiere di Galeazze dove si era trasferito da poco con la famiglia da Martinengo, il suo paese d’origine. Lavorava per la Gb Trasporti che gestisce l’officina delle riparazione dell’Italtrans dove il giovane ha perso la vita pochi giorni dopo un altro incidente sul lavoro che ha avuto come vittima un 28enne, Alessandro Vezzoli.

Lorenzo è morto mentre effettuava la riparazione di un “soffione” (sospensione pneumatica della motrice del camion in manutenzione). Era proteso tra la ruota della motrice e il pianale della stessa. Per cause che vanno verificate è venuta meno la pressione che teneva sollevato il pianale schiacciando il giovane tra la ruota e il pianale stesso.

Dalla Gb Trasporti il cordoglio: “Siamo addolorati per la tragedia avvenuta in officina e il nostro primo pensiero va alla vittima, un ragazzo operoso, sempre corretto e apprezzato nell’intero ambiente di lavoro per le sue doti professionali e umane. Nello stesso tempo ci stringiamo con affetto alla sua famiglia, che sta attraversando un momento terribile”.

Ora Lorenzo non c’è più: un giovane con tanta voglia di vivere e tanti amici e se n’è andato all’improvviso in un pomeriggio d’estate mentre la gran parte del mondo era in vacanza.

Loading...

Fonte: bergamonews.it

About admin

Leave a Reply